Snowdonia

 

Nel 1985, con mio fratello Marco, ispirati dalle fanzine inglesi che portava a casa dai suoi viaggi (ricordo Grim Humor tra tutte) decidemmo di creare la nostra. Il nome non doveva rievocare nulla in generale, così, da qualche parte vidi una cartolina raffigurante il parco nazionale del Galles “Snowdonia” ed il nome fu bello che trovato. Un altro limite che volevamo oltrepassare era quello della lunghezza delle interviste. Volevamo dare al lettore l’impressione di trovarsi lì con noi a parlare con le band e per questo motivo non tagliammo nulla delle interviste fatte. Nel primo numero fa sfoggio una “breve” intervista di 18 pagine a Massimo Zamboni dei CCCP, più un report sulla scena Neo Zelandese esplorata da Marco, ancor prima che Rockerilla iniziasse a parlare di gruppi tipo Chills o Tall Dwarves. In parallelo a Snowdonia, visto che Marco non condivideva l’interesse per la crescente scena musicale rituale, io feci un’altra fanzina, chiamata Maelzel. Ne uscirono tre numeri con interviste a Coil, Giancarlo Toniutti, Tito Turbina Tastierista Futurista, Enrico Piva, Dead Relatives, Rosemary’s Baby, Thelema, etc. Snowdonia durò per sei numeri dopo di che mio fratello iniziò a collaborare con Marco Milanesio dei DsorDNE e Max Gatti della Bekko Bunsen. Da questo sodalizio nacque l’etichetta Hax.
Io alla fine degli anni’ 80, interessato anche alla scena garage punk ed estimatore dei Tell Tale Hearts e Fuzztones, feci uscire due numeri di una fanzina dedicata a quei suoni chiamata Psycho Tales. Ne feci solo due numeri, perché in quegli anni il “revival” garage punk era già agli sgoccioli e stava già virando verso l’hard rock/stoner inspirato agli MC5/Stooges. Nella decade successiva collaborai brevemente con Rockerilla, con Urlo e con Punto Zero (foglio con allegata compilation in vinile curata dalla Toast Records). Dobbiamo aspettare la fine degli anni’ 90 per vedermi collaborare con Marc Urselli nella creazione di CHAIN D.L.K. Rivista della quale uscirono otto numeri (mi sembra) e che dall’inizio del nuovo secolo è presente su internet all’indirizzo www.chaindlk.com

.